CUMULO, RICONGIUNZIONE, TOTALIZZAZIONE
INDICE

COSA SONO CUMULO, RICONGIUNZIONE E TOTALIZZAZIONE

Nel corso della tua carriera, se hai versato contributi in uno o più Enti previdenziali oltre all’EPAP (ad esempio INPS o altre Casse), hai la possibilità di riunirli in una sola pensione.


Esistono tre strumenti per farlo:

  • Il cumulo contributivo
  • La ricongiunzione
  • La totalizzazione

 

Queste opzioni offrono soluzioni diverse per gestire i contributi versati in diverse gestioni, facilitando l’accesso ai benefici pensionistici in modo più flessibile e integrato.

CUMULO GRATUITO DEI CONTRIBUTI

Il cumulo contributivo permette ai lavoratori di sommare i contributi versati a diversi enti previdenziali, al fine di ottenere una pensione unica. Questa opzione è stata resa disponibile a tutti i lavoratori autonomi a partire dal 1° gennaio 2017 grazie alla Legge di stabilità 2017 (art. 1, commi 195-198, Legge n. 232/2016).

Il cumulo contributivo è aperto ai lavoratori che hanno accumulato contributi in due o più forme di assicurazione obbligatoria per invalidità, vecchiaia e superstiti, sia come dipendenti che come autonomi, inclusi quelli iscritti alla gestione separata Inps e agli enti di previdenza privatizzati e privati.

La pensione derivante dal cumulo viene calcolata combinando le quote di pensione proporzionali ai contributi versati in ciascun ente previdenziale, applicando le regole specifiche di ciascun sistema previdenziale.

Attraverso il cumulo, è possibile ottenere pensioni di:

  • Vecchiaia
  • Anticipata
  • Inabilità
  • Ai superstiti

Per la pensione di vecchiaia in cumulo: è necessario soddisfare i requisiti di età e contribuzione più elevati tra quelli richiesti dalle gestioni interessate.

 

Ad esempio, un iscritto EPAP con contributi anche in INPS come dipendente, dovrà rispettare i requisiti più stringenti tra i due enti, ovvero quelli dell'AGO Inps di 67 anni di età (oggetto di adeguamento alla speranza di vita) e 20 anni di anzianità contributiva (anzianità contributiva complessiva non coincidente); è inoltre necessario soddisfare gli ulteriori requisiti, diversi da quelli di età e anzianità contributiva, previsti dalla gestione previdenziale alla quale il lavoratore o la lavoratrice risulta da ultimo iscritto.


Per la pensione anticipata in cumulo: sono necessari 42 anni e 10 mesi di contribuzione per gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne, indipendentemente dall'età anagrafica; è inoltre previsto uno slittamento della decorrenza (c.d.finestra) pari a 3 mesi.


Per la pensione di inabilità in cumulo: il diritto è basato sui requisiti di assicurazione e contribuzione , nonché sugli ulteriori requisiti, richiesti nella forma assicurativa nella quale il soggetto interessato è iscritto al momento del verificarsi dell’evento inabilitante.


Per la pensione indiretta in cumulo: questa viene liquidata basandosi sui requisiti di assicurazione e contribuzione, nonché sugli ulteriori requisiti, richiesti nella forma assicurativa nella quale il dante causa era iscritto al momento del decesso.

L’Ente a cui presentare la domanda ovvero l'“Ente Istruttore” è l’Ente/Cassa di ultima iscrizione del soggetto interessato ovvero quello presso il quale lo stesso è iscritto al momento del verificarsi dell’evento inabilitante o del decesso. In caso di ultima iscrizione a più forme assicurative è facoltà del soggetto interessato scegliere l’Ente/Cassa cui presentare la domanda. Qualora l'Ente Istruttore sia l'EPAP la domanda di pensione va presentata utilizzando il modello predisposto dall’Ente, presente alla fine di questa pagina, ed inviandolo tramite PEC all’indirizzo epap@pec.epap.it o presentandolo direttamente alla sede dell’EPAP.

 

Ricordiamo che EPAP fornisce a tutti gli iscritti l’attivazione gratuita di una casella PEC, se vuoi saperne di più clicca qui.

Le gestioni interessate, ciascuna per la parte di propria competenza, determinano il trattamento pro quota in rapporto ai rispettivi periodi di iscrizione maturati, secondo le regole di calcolo previste da ciascun ordinamento.

La pensione in regime di cumulo costituisce un’unica pensione. Pertanto, gli aumenti a titolo di rivalutazione automatica della stessa sono liquidati, in base alle disposizioni previste per la generalità dei lavoratori, con riferimento al trattamento unico complessivamente considerato sulla base delle disposizioni di legge vigenti e sono rapportati alle singole quote in proporzione al loro importo, con onere a carico delle gestioni interessate.

RICONGIUNZIONE DEI CONTRIBUTI

La ricongiunzione è il processo che consente l’unificazione dei periodi di contribuzione previdenziale accumulati in diverse gestioni, per calcolare un’unica pensione. Importante è che il trasferimento dei contributi sia completo, non essendo ammesso il trasferimento parziale. Se i contributi sono trasferiti verso l’EPAP, si parla più precisamente di ricongiunzione attiva.

La richiesta di ricongiunzione può essere effettuata da:

 

  1. Professionisti attivi: Iscritti all'EPAP e contemporaneamente ad altre forme di previdenza (lavoratori dipendenti, pubblici o privati, autonomi, e liberi professionisti). 
  2. Lavoratori dipendenti o autonomi: Coloro che erano precedentemente iscritti all'EPAP e ora sono registrati in altre gestioni. In questo caso, denominato ricongiunzione passiva, i contributi sono trasferiti dall'EPAP alla nuova gestione previdenziale.
  3. Pensionati EPAP: Chi già riceve una pensione di anzianità e vuole aggiungere ulteriori contributi maturati presso l’EPAP per un supplemento pensionistico. Questa possibilità è permessa una sola volta entro un anno dalla cessazione della contribuzione.

 

La ricongiunzione è possibile dopo aver raggiunto l'età pensionabile e può essere richiesta per consolidare almeno dieci anni di contribuzione continuativa. È disponibile anche per pensionati e per i superstiti di un iscritto deceduto, entro due anni dalla morte.

 

Sono necessari i seguenti requisiti:

  • Il richiedente deve essere un professionista attualmente o precedentemente iscritto all'EPAP.
  • I contributi da ricongiungere devono essere non attivi in altre gestioni previdenziali.
  • La ricongiunzione deve riguardare tutti i periodi contributivi accumulati, senza possibilità di selezione parziale.
  • La ricongiunzione deve considerare solo i periodi di effettiva attività lavorativa per l’incremento della posizione contributiva, escludendo i periodi di contribuzione figurativa non legati a lavoro effettivo.

La domanda di ricongiunzione va presentata utilizzando il modello predisposto dall’Ente, presente alla fine di questa pagina, ed inviandolo tramite PEC all’indirizzo epap@pec.epap.it o presentandolo direttamente alla sede dell’EPAP.

Ricordiamo che EPAP fornisce a tutti gli iscritti l’attivazione gratuita di una casella PEC, se vuoi saperne di più clicca qui.

L’onere finanziario della ricongiunzione, definito come “riserva matematica”, è a carico del professionista, ma può essere nullo in base al sistema contributivo adottato. Nel caso di metodo retributivo, la riserva matematica diventa obbligatoria.

Per chi non è più iscritto all'EPAP, la ricongiunzione passiva implica il trasferimento dei contributi dalla gestione EPAP alla nuova gestione previdenziale, con i contributi che sono maggiorati di interessi fino al momento del trasferimento effettivo.

Il diritto e la misura della pensione derivante dalla ricongiunzione sono determinati secondo le norme vigenti nella gestione che centralizza la posizione contributiva, considerando l'intera anzianità contributiva inclusi i periodi ricongiunti, ad eccezione dei periodi sovrapposti.

 

Questa procedura di ricongiunzione fornisce una soluzione per massimizzare il valore della pensione attraverso l'unificazione dei contributi, garantendo ai professionisti la continuità e l'integrità dei loro diritti previdenziali accumulati nel corso della carriera lavorativa.

TOTALIZZAZIONE DEI CONTRIBUTI

La totalizzazione dei periodi contributivi permette ai lavoratori di sommare i contributi versati a diversi enti previdenziali, al fine di ottenere una pensione unica. Questa opzione è stata resa disponibile a tutti i lavoratori dal decreto legislativo n. 42 del 2 febbraio 2006.
La totalizzazione dei periodi contributivi è aperta ai lavoratori che hanno accumulato contributi in due o più forme di assicurazione obbligatoria per invalidità, vecchiaia e superstiti, sia come dipendenti che come autonomi, inclusi quelli iscritti alla gestione separata Inps e agli enti di previdenza privatizzati e privati, che non siano già titolari di pensione in una di queste gestioni.
La pensione derivante dalla totalizzazione viene calcolata combinando le quote di pensione proporzionali ai contributi versati in ciascun ente previdenziale, applicando le regole specifiche di ciascun sistema previdenziale.

Attraverso la totalizzazione, è possibile ottenere pensioni di:

  • Vecchiaia
  • Anzianità
  • Inabilità
  • Ai superstiti

I requisiti per accedere alla totalizzazione sono definiti dal D.Lgs. 42/2006 e variano a seconda del tipo di pensione desiderato:

  • Per la pensione di vecchiaia si richiede di avere almeno 66 anni di età, con un'anzianità contributiva totale di almeno 20 anni.
  • Per la pensione di anzianità è necessaria un'anzianità contributiva di almeno 41 anni, sommando i periodi versati in gestioni diverse.
    Inoltre, la normativa prevede una finestra di posticipo della decorrenza della pensione di 18 mesi per la vecchiaia e di 21 mesi per l'anzianità, a partire dalla maturazione del diritto.
  • Per la pensione di inabilità in totalizzazione: il diritto è basato sui requisiti di assicurazione e contribuzione richiesti nella forma assicurativa nella quale il soggetto interessato è iscritto al momento del verificarsi dell’evento inabilitante.
  • Per la pensione indiretta in totalizzazione: questa viene liquidata basandosi sui requisiti di assicurazione e contribuzione richiesti nella forma assicurativa nella quale il dante causa era iscritto al momento del decesso.

L’Ente a cui presentare la domanda ovvero l'“Ente Istruttore” è l’Ente/Cassa di ultima iscrizione del soggetto interessato ovvero quello presso il quale lo stesso è iscritto al momento del verificarsi dell’evento inabilitante o del decesso. In caso di ultima iscrizione a più forme assicurative è facoltà del soggetto interessato scegliere l’Ente/Cassa cui presentare la domanda. Qualora l'Ente Istruttore sia l'EPAP la domanda di pensione va presentata utilizzando il modello predisposto dall’Ente, presente alla fine di questa pagina, ed inviandolo tramite PEC all’indirizzo epap@pec.epap.it o presentandolo direttamente alla sede dell’EPAP.

 

Ricordiamo che EPAP fornisce a tutti gli iscritti l’attivazione gratuita di una casella PEC, se vuoi saperne di più clicca qui.

Le gestioni interessate, ciascuna per la parte di propria competenza, determinano il trattamento pro quota in rapporto ai rispettivi periodi di iscrizione maturati, secondo le regole previste dall'art. 4 del D. Lgs n. 42 del 2 febbraio 2006.

La pensione in regime di totalizzazione costituisce un’unica pensione.

Pertanto, gli aumenti a titolo di rivalutazione automatica della stessa sono liquidati, in base alle disposizioni previste per la generalità dei lavoratori, con riferimento al trattamento unico complessivamente considerato sulla base delle disposizioni di legge vigenti e sono rapportati alle singole quote in proporzione al loro importo, con onere a carico delle gestioni interessate.

convenzionilogo

CONVENZIONI

epapdaylogo
EPAP DAY
formazionelogo
FORMAZIONE
BENVENUTI NEL NUOVO SITO EPAP!
Esploratelo e scoprite tutte le novità.