Vantaggi per gli iscritti
Economici
Assistenziali
Sanitari

Vai alla pagina

 Giovani professionisti
Riduzione del 70% dei contributi dovuti
Maggiori informazioni


Numero verde Epap
dalle ore 9,00 alle 12,00
dal lunedì al venerdì

 Prossime scadenze
28 febbraio 2018
Regime A:
primo acconto 2018
Maggiori informazioni

 Coordinate bancarie
Banca Popolare di Sondrio
Viale Cesare Pavese, 336
00144 Roma
IBAN: IT74Q0569603211
000069000X37
CIN: Q   ABI: 05696
CAB: 03211
C/C: 000069000X37

 Cerca news
 Argomento
 Categoria professionale
 Data pubblicazione (gg/mm/aaaa)
 da a
 Cerca nel titolo
 Cerca nel testo

 
20/12/2017 BANDO A PROCEDURA APERTA n.6867818 - CIG 72300401C1
Risposte ai quesiti

Per motivi di praticità ed organizzazione si riuniscono di seguito i quesiti relativi al bando di gara a procedura aperta per l’affidamento del servizio di Advisory dell’EPAP pervenuti all’indirizzo mail garaadvisory@epap.it e le relative risposte

================================================

Quesiti pubblicati il 09/11/2017
D: Qualora dovessimo risultare aggiudicatari della presente gara, vorremmo sapere se nel contratto da sottoscrivere si possono prevedere le seguenti clausole:
Art. 1 Limitazione di Responsabilità
La responsabilità complessiva dell’aggiudicatario e dei suoi amministratori, dirigenti, impiegati, dipendenti e agenti (congiuntamente, le “Persone Correlate”) verso la stazione appaltante a titolo di responsabilità contrattuale, extracontrattuale, inadempimento, violazione di legge o ad altro titolo e per qualsiasi perdita derivante da o connessa con il presente contratto o con i servizi prestati dall’aggiudicatario, non potrà superare complessivamente il maggiore tra: (a) 250.000 Euro, oppure (b) l’ammontare complessivo delle somme pagate per i servizi prestati dall’aggiudicatario in un periodo di 12 mesi , salvo che non si sia convenuto diversamente per iscritto. In ogni caso, nulla potrà escludere o limitare la responsabilità dell’aggiudicatario o delle Persone Correlate in caso di: (a) morte o lesione personale risultante dalla negligenza dell’aggiudicatario o di una delle Persone Correlate; (b) dolo o colpa grave; (c) frode; o (d) altra forma di responsabilità che non possa essere limitata ai sensi della legge applicabile
Art. 2 Recesso
Rimane inteso tra le Parti che ognuna di esse potrà recedere in qualsiasi momento dal presente contratto, dandone comunicazione all’altra mediante lettera raccomandata a/r o via pec, con un preavviso di 3 mesi rispetto alla data in cui intende far valere il recesso

R: Non rientra negli ambiti decisionali affidati al R.U.P. la negoziazione di clausole da inserire nel contratto che vincolerà l’Ente all’aggiudicatario.


D: con riferimento alla clausola di limitazione di responsabilità già proposta laddove, a fronte delle attività oggetto dell’appalto, doveste ritenere detta clausola ostativa alla nostra partecipazione alla gara chiediamo che sia prevista la disponibilità da parte della stazione appaltante verso la negoziazione di una clausola che delimiti il perimetro di responsabilità dell’appaltatore.

R: Non rientra negli ambiti decisionali affidati al R.U.P. la negoziazione di clausole da inserire nel contratto che vincolerà l’Ente all’aggiudicatario. Resta il fatto che la limitazione della responsabilità dell’aggiudicatario è materia suscettibile di negoziazione nei limiti in cui non vada ad incidere su profili che, in ragione del loro inserimento nel bando, risultano vincolanti anche per la fase successiva


D: Chiediamo di voler modificare la previsione di cui all’art. c.2) del disciplinare di gara nella parte in cui viene fatto espressamente divieto di partecipare alla procedura di gara in forma di RTI, consorzio e avvalimento. Questi istituti hanno, infatti, la finalità di garantire la massima partecipazione alle procedure di gara senza tuttavia diminuire la garanzia della qualità del servizio che, nel caso dell’EPAP, ha carattere intellettuale e fiduciario.
Atteso il complesso dei requisiti di partecipazione indicati nella lex di gara, la scrivente potrebbe, quindi, partecipare solo associandosi con altro operatore o avvalendosi dei requisiti di altro soggetto. Alla luce di quanto sopra, ed al fine di garantire alla scrivente e ad altre imprese la possibilità di partecipare in qualsiasi forma, chiediamo di modificare la lex di gara nella misura in cui ne viene fatto espresso divieto.
Ciò anche al fine di dare corso a quanto indicato all’art. c1) del disciplinare, laddove l’EPAP ha affermato che “sono ammessi alla partecipazione alla gara tutti gli operatori economici di cui all’art., 45 del D. Lgs. n. 50/2016”, dove sono espressamente previste anche le forme di associazione come i raggruppamenti di concorrenti

R: Non rientra nei poteri attribuiti allo scrivente quello di modificare le clausole di alcuno degli atti di gara .
Non si ritiene, infine, necessario alcun chiarimento sulla circostanza che la lex di gara non consente, in expressis, il ricorso all’avvalimento né la partecipazione con R.T.I.



D: con riferimento all’autorizzazione a svolgere servizi di consulenza in materia di investimenti ai sensi dell’art.1, comma 5, lett. D.Lgs 58/1998 ovvero l’abilitazione a svolgere in Italia i medesimi servizi ex artt. 27, 28 e 29 del medesimo D.Lgs 58/1998, prevista dal punto C.1 del disciplinare di gara si chiede se certificazioni e autorizzazioni di diritto svizzero possano essere considerate equipollenti rispetto a quanto richiesto nel Vostro disciplinare di gara

R: Si rappresenta che la valutazione della sussistenza dei requisiti per la partecipazione è attività affidata alla commissione giudicatrice e non al R.U.P.


D: con riferimento all’istituto dell’Avvalimento così come previsto dall’art. 89 del DLgs. 50/2016, non risulta chiaro se sia o meno ammesso tale istituto poiché, a fronte di quanto indicato nel paragrafo dedicato nel Disciplinare di Gara (punto C.2 pag. 7), nel punto G.3 dello stesso documento “Efficacia di Aggiudicazione" (pag. 23) si fa invece menzione ad “eventuali ausiliari”, si chiede pertanto un chiarimento sul punto.

R: Per quanto attiene la questione della facoltà di ricorso all’avvalimento risulta dall’art. C.2 che la lex di gara non consente, in expressis, il ricorso a tale istituto. La dicitura "ed eventuali ausiliari" riportata al punto G.3 del Disciplinare di gara deve intendersi come refuso attesa la prescrizione sull’avvalimento di cui al punto C.2 della lex di gara


D: Ove fosse nell’intenzioni dell’Ente escludere l’ammissione dell’istituto dell’avvalimento, si chiede di sapere se tale decisione è collegata alle cause di non ammissione sancite nel comma 11 dell’articolo 89 e di indicarci a tal riguardo le parti di servizio e/o componenti di notevole contenuto tecnologico o di rilevante complessità tecnica che si ritiene giustifichino la non ammissione

R: non rientra nelle competenze del R.U.P. esprimere valutazioni sulla ratio delle scelte operate dall’organo amministrativo nella approvazione del bando di gara


D: Si chiede di prendere in considerazione la possibilità di consentire il ricorso all’istituto dell’avvalimento, ritenuto indispensabile per poter svolgere al meglio tutte le attività di servizio richieste nel capitolato di gara.

R: Non rientra nei poteri affidati al R.U.P. ammettere deroghe all’applicazione dei parametri fissati dal bando


D: con riferimento inoltre alla polizza assicurativa, poiché siamo in scadenza di polizza a livello di Gruppo e dunque è in corso la revisione dell’assetto organizzativo-governance-responsabilità-polizze assicurative, Le chiediamo:
- se possa avere validità la polizza stipulata in una data successiva a quella del bando in oggetto (e comunque entro la data di aggiudicazione ed affidamento a noi dell’eventuale incarico), coerentemente agli adempimenti previsti al punto G.4 del Disciplinare di Gara relativamente alla “Documentazione da produrre in caso di aggiudicazione definitiva” ed alle indicazioni contenute nel punto H.2 Polizza Assicurativa;
- se, sia possibile adeguare il valore della polizza all’entità e complessità dei servizi professionali richiesti, riducendola ad 1 Mln.

R: Riguardo alla attivazione della polizza assicurativa ed alla sua specifica conformazione si chiarisce che non è rilevante, ai fini della partecipazione, se la polizza sia in scadenza o non abbia, in tale fase, le caratteristiche per acquisire la veste di aggiudicatario. A mente, infatti, del disposto dell’art. H 2 del disciplinare di gara il concorrente risultato aggiudicatario avrà la possibilità di adeguare la sua polizza (con integrazione di quella in essere o stipula di una nuova) alle caratteristiche richieste. Mentre non è prevista la necessità di presentare la polizza in sede di formulazione dell’offerta.


D: Data la complessità dei documenti da produrre e contestualmente l’eventualità che le risposte ai quesiti possano arrivare in prossimità della scadenza, Le chiediamo altresì di concedere una proroga di almeno 15 gg rispetto ai termini previsti.

R: La limitazione, in questa fase, dell’attività del R.U.P. alla evasione di richiesta di chiarimenti esclude che possa essere adottato un provvedimento di proroga dei termini.

=====================================

Quesiti pubblicati il 10/11/2017
D: Nel caso di un soggetto non autorizzato localmente a svolgere servizi di consulenza in materia di investimenti (ai sensi dell’art.1, lett.D.lgs 58/1998) che invece lo è a livello di Gruppo in diversi Paesi a livello mondiale è possibile stipulare il contatto e fornire i relativi servizi di consulenza generica direttamente dalla realtà locale?

R: la valutazione della sussistenza dei presupposti per partecipare alla gara non compete al RUP ma alla commissione giudicatrice. Non è dato, dunque, pre-valutare una domanda che potrà e dovrà essere vagliata dall’organo competente.


D: Nel punto D.3 è scritto che la titolarità di una copertura assicurativa RC per un massimale di almeno 5 mln di euro è “ulteriore requisito per la partecipazione alla gara”. Nel punto H.2 è scritto che la stipula della polizza è necessaria “ai fini della stipula del contratto”, il che fa pensare che la polizza debba essere sottoscritta solo in caso di aggiudicazione, non per la semplice partecipazione alla gara. In tal senso sembra da intedere anche l’ultima frase dello stesso punto, nella quale si considera come ipotetico il caso che il partecipante sia già provvisto di una polizza .
Vi chiediamo perciò cortesemente di confermarci se prevale quanto scritto nel punto H.2 e perciò se per partecipare alla gara non è necessario essere provvisti di questa polizza

R: relativamente alla titolarità di una copertura assicurativa RC si informa che prevale il disposto di quanto previsto dal punto H.2 del disciplinare di gara e che la verifica della sussistenza e dell’adeguatezza della polizza - eventualmente da integrare secondo quanto previsto dal disciplinare - verrà effettuata, così come previsto dal Dlgs 50/2016 e ss.mm.ii. solo nei confronti dell’aggiudicatario.

=====================================

Quesiti pubblicati il 20/11/2017
D. con riferimento alla Cauzione Provvisoria (di cui al punto 5, pag. 14 del Disciplinare di gara) si chiede se, nel caso procediamo mediante la costituzione di bonifico a favore della Stazione Appaltante, sia sufficiente evidenza del bonifico e non siano necessarie tutte le dichiarazioni previste nella seconda parte di pag. 15 “a pena di esclusione.

R: Con riferimento al quesito da Voi formulato, si rappresenta che in caso di costituzione della cauzione mediante rimessa diretta della relativa somma mediante diretto accredito della relativa somma non è necessario allegare altre dichiarazioni o documentazioni probanti dell’adempimento diverso dalla contabile. Si precisa, all’uopo, che la somma come indicato nel punto 5) della voce E.4 del disciplinare di gara, dovrà essere accreditata nel termine fissato dal bando sulle seguenti coordinate: conto corrente bancario IBAN - IT86S0569603211000069200X43, intestato a Ente di Previdenza e Assistenza Pluricategoriale, presso la Banca Popolare di Sondrio, causale: “Gara a procedura aperta per l’affidamento dei servizi di Advisory dell’EPAP: cauzione provvisoria CIG 72300401C1"


D. relativamente al requisito di Capacità Tecnica previsto al punto D.2 del Disciplinare di gara siamo a chiedere se nel conteggio dei 5 dipendenti a tempo pieno e con contratto a tempo indeterminato, debbano considerarsi anche i dipendenti che prestano attività in favore della società partecipante in base allo strumento giuridico del Distacco dei Dipendenti.

R. In riscontro alla Vostra richiesta di precisare se i lavoratori dipendenti in distacco possano ritenersi soddisfare il requisito del minimo dimensionale (5 unità a tempo indeterminato) in capo al soggetto partecipante si precisa che l’elemento dirimente è rappresentato non già dal ricevere prestazione lavorativa come distaccatario quanto, invece, dalla effettiva titolarità del rapporto contrattuale. In tale dimensione, ed in capo dunque al distaccante, tutti i lavoratori – se in numero coerente con la previsione del bando e senza termine – possono essere computati nel conteggio anche se in regime di distacco; non rilevando la concreta modalità di espletamento della attività lavorativa ma la assunzione dei relativi costi e dunque la capacità di disporre della forza lavoro sia in termini di assunzione dei relativi costi che di effettiva possibilità di assegnarli alle attività più interessanti. Per tale ragione il distaccante può computare tale forza lavoro ma non il distaccatario.

=====================================

Quesiti pubblicati il 22/11/2017
D. Ove si costituisca la cauzione provvisoria (di cui al punto 5, pag. 14 del Disciplinare di gara) tramite bonifico bancario, chiediamo di indicarci la modalità attraverso cui procedere quindi a soddisfare l’impegno alla garanzia definitiva previsto nel punto 6, pagina 16 del Disciplinare di gara.

R: Con riferimento all’impegno al versamento della cauzione definitiva di cui al punto 6) della voce E.4 del disciplinare di gara si rappresenta che la stessa è del tutto svincolata da quella di cui al punto 5) della voce E.4 del disciplinare e dovrà essere presentata tramite impegno di un fideiussore (intendendosi fideiussore un istituto bancario o assicurativo o intermediario iscritto all’albo di cui all’art. 106 del Dlgs 385/1993 e ss.mm.ii) a rilasciare la garanzia definitiva ove il concorrente risultasse aggiudicatario


D. Con riferimento all’impegno al rilascio della garanzia definitiva ai sensi dell’art. 93, co. 8, del D.Lgs. n. 50/2016, chiediamo se sia possibile applicare quanto sancito nella seconda parte dello stesso comma 8, con riferimento al seguente testo: "Il presente comma non si applica alle microimprese, piccole e medie imprese e ai raggruppamenti temporanei o consorzi ordinari costituiti esclusivamente da microimprese, piccole e medie imprese”. Tale disposizione della norma è stata modificata dal D.lgs. 56-2017 in vigore dal 20/05/2017. Nello specifico e rispetto a questa modifica della normativa introdotta dal legislatore, Le chiediamo gentilmente se, essendo una piccola/media impresa, è possibile essere esonerati dalla dichiarazione di impegno, e dunque, non presentare a tal riguardo nessuna dichiarazione da parte di intermediario abilitato.

R. Si rappresenta che il bando di gara non contempla la partecipazione in forma associata ed ulteriormente prescrive la titolarità di requisiti non riferibili alla struttura delle micro-imprese ovvero delle piccole e medie imprese. Non si ritiene, pertanto, applicabile la invocata deroga alla previsione cogente del bando di gara.


D. In relazione al bando in oggetto, potreste dirmi se la banca/gestore deve avere una licenza bancaria in Italia, o una presenza locale sul territorio italiano, per poter partecipare.

R. come previsto dal punto C.1 del disciplinare di gara sono ammessi alla partecipazione alla gara tutti gli operatori economici di cui all’art.45 del D.Lgs 50/2016 i quali abbiano conseguito la autorizzazione a svolgere servizi di consulenza in materia di investimenti ai sensi dell’art.1, comma 5, lett. D.Lgs 58/1998 ovvero l’abilitazione a svolgere in Italia i medesimi servizi ex artt. 27, 28 e 29 del medesimo D.Lgs 58/1998


[torna alla Home Page]

 

 

 Area riservata


 Epap on the road

Incontri con gli iscritti
Vai alla pagina


 Assicurazioni sanitarie

Polizze assicurative gratuite per gli iscritti Epap
Vai alla pagina


 Regolarità contributiva PA

Regolarità contributiva online per Enti o Soggetti Esterni
Vai alla pagina


 EPAPcard

La carta di credito per gli iscritti Epap
Vai alla pagina




 Amministrazione trasparente

D. Lgs. n.33
14/03/2013
Vai alla sezione


 Mappa del sito
Tutto quello che puoi trovare su questo sito

 Link utili

Consigli Nazionali
Enti di Previdenza
Ministeri
Agenzie di stampa
Istituzionali
Vari

 

EPAP Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale degli Attuari, dei Chimici, dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali, dei Geologi
Via Vicenza 7 - 00185 Roma - Tel 06 696451 - Fax 06 6964555 - 06 6964556 - Cod. Fisc. 97149120582
web design: Cliccaquì